(GUDMUNDUR GUDMUNDSON) ERRO' 193

Dettagli

Errò ("Erò"). Pseudonimo di Gudmundur Gudmundsson, prima detto Ferrò, nasce a Olafsvik, Islanda, nel 1932. E' autore di opere molto particolari, dalla tematica complessa, di impronta neosurrealista. 

Dopo gli studi all'Accademia artistica di Reykjavík, per un certo periodo esegue affreschi e mosaici. Trasferitosi a Parigi nel 1958, Errò ha iniziato sperimentazioni con il collage che, per le insolite combinazioni di precostituito, precorrono la successiva fase artistica.

Nel 1962, si dedicò a sviluppare immagini molteplici e variabili tratte dai mass-media. "Dipingo perché la pittura è un'utopia personale", afferma Errò. Composizioni allucinanti, ossessive, in cui intende, con l'addensarsi di simboli e con la presentazione di molteplici punti di vista, "rendere impossibile allo spettatore la consumazione dell'opera".

Dopo il primo "Catastrophe Happening" di Parigi, insieme a Jean-Jacques Level (1962), Errò ha continuato a eseguire performances negli Stati Uniti, dove ha trovato ispirazione la serie "Interieurs Americains". Errò ha esposto anche in Italia alla Biennale di Venezia del 1975 e nel 1986.

Le sue opere si trovano principalmente nei Musei di Arte Moderna di Parigi e di New York.