Nessuna immagine

Dettagli

Guido Andlovitz nasce a Trieste il 7 marzo del 1900.
Si diploma alla Reale Accademia di Belle Arti di Brera laureandosi poi al Politecnico di Milano in architettura.
Nel 1923, appena laureato, è assunto come consulente artistico della Società Ceramica Italiana di Laveno (S.C.I.) e pochi anni dopo, nel 1927, ne diviene direttore della produzione e, con la collaborazione di Piero De Ambrosis e del direttore tecnico Antonio De Ambroggi, avvia una produzione che all'inizio guarda ai modelli francesi e successivamente viene influenzata dagli schematismi tedeschi e viennesi.
Si cimentan anche in opere di stile futurista.
Nella veste di direttore della produzione della "S.C.I." Andlovitz mette in pratica l'insegnamento di Giò Ponti e si applica alla progettazione di manufatti caratterizzati da forme e decori intercambiabili, coniugando così il design di alto livello con la produzione di serie.
Tra il 1926 e il 1929, gli anni più proficui della sua opera, per il progetto delle forme e dei decori si ispira soprattutto alla tradizione del settecento lombardo e alla produzione della manifattura milanese di Felice Clerici, reinterpretandoli con grande fantasia e originalità.
Tra gli anni Venti e gli anni Quaranta progetta per la "S.C.I." una serie di oggetti di grande innovazione stilistica e di notevole purezza formale i cui esempi migliori sono forse quelli privi di decorazione, tra cui possiamo certamente annoverare il famoso vaso globulare, denominato vaso 1316, messo in produzione nel 1936 e considerato un vero capolavoro dell'arte ceramica del Novecento europeo.
Nel 1940 è presente alla Triennale d'Arte di Milano con un "grande vaso in grès" con decoro di architetture della Roma Imperiale che riscuote un grande successo.Alla fine degli anni Cinquanta lascia la direzione della "S.C.I.".
Dopo oltre quaranta anni di collaborazione con la "Società Ceramica Italiana" di Laveno Andlovitz muore a Grado, terra della sua infanzia, nel 1971.
Le opere più importanti di questo grande maestro del design si possono ammirare nel Museo Internazionale del Design Ceramico di Palazzo Parabò a Cerro di Laveno Mombello, in provincia di Varese.


Opere già passate in asta

Vai al lotto 0007
ANDLOVITZ GUIDO (1900 - 1965)  

Vaso.

Lotto 0007
Vai al lotto 0015
ANDLOVITZ GUIDO (1900 - 1965)  

Vaso in ceramica, anni 30

Lotto 0015
Vai al lotto 0173
ANDLOVITZ GUIDO (1900 - 1965)  

Colonna e cista

Lotto 0173
Vai al lotto 0172
ANDLOVITZ GUIDO (1900 - 1965)  

Grande piatto

Lotto 0172
Vai al lotto 0171
ANDLOVITZ GUIDO (1900 - 1965)  

Vaso

Lotto 0171
Vai al lotto 0014
ANDLOVITZ GUIDO (1900 - 1965)  

Vaso Monza 9

Lotto 0014
Vai al lotto 0015
ANDLOVITZ GUIDO (1900 - 1965)  

Ciotola

Lotto 0015
Vai al lotto 0013
ANDLOVITZ GUIDO (1900 - 1965)  

Vaso

Lotto 0013
Vai al lotto 0282
ANDLOVITZ GUIDO (1900 - 1965)  

Vaso modello Monza 9

Lotto 0282
Vai al lotto 0281
ANDLOVITZ GUIDO (1900 - 1965)  

Vaso modello 1316/3 anni '50.

Lotto 0281