Alberto Burri Quotazioni, valore e valutazione opere

Richiedi una valutazione
Alberto Burri (Città di Castello, 12 marzo 1915 – Nizza, 13 febbraio 1995) è stato un artista, pittore e medico italiano.

Nacque a Città di Castello (Perugia) il 12 marzo 1915, primogenito di Pietro, commerciante di vini, e Carolina Torreggiani, maestra elementare [1].

Dopo aver conseguito il diploma di maturità classica presso il Liceo Scientifico Annibale Mariotti di Perugia, si iscrive alla Facoltà di Medicina e Chirurgia della stessa Università cittadina nel 1934, laureandosi il 12 giugno 1940. Conseguito un diploma di scuola secondaria come tenente medico il 9 ottobre 1940, fu arruolato nell'esercito e presto congedato per addestrarsi in ospedale per qualificarsi alla professione. Dopo la laurea, tornò nell'esercito e fu assegnato al 10° Corpo d'armata nordafricano all'inizio di marzo 1943. Durante i giorni della resa dell'Italia in Africa, fu catturato dagli inglesi e cadde nelle mani degli americani l'8 maggio 1943, dove fu rinchiuso in un "campo criminale" insieme a Giuseppe Beto e Beppe Nicolai Mid-Hereford. collaboratore del campo. (In Texas) È stato lì per 18 mesi. Nella primavera del 1944 si rifiutò di firmare una dichiarazione di collaborazione che gli era stata proposta, e fu annoverato tra i "Fascisti Irriducibili". Fu durante questo periodo che sviluppò la convinzione di dedicarsi alla pittura.

Il 27 febbraio 1946 tornò dalla prigionia negli Stati Uniti, giunse a Napoli il 27 febbraio 1946, e visse per breve tempo a Città di Castello prima di trasferirsi a Roma, dove abitò in Via Mario de' Fiori Condivise uno studio nelle vicinanze, Plaza de España, con l'amico scultore Edgardo Manucci.
Nel luglio 1947 si tiene la prima mostra personale favorita dall'architetto Amedeo Luccichenti presso la Galleria La Margherita di Gaspero del Corso e Irene Brin, dei poeti Libero de Libero e Leonardo Sinisgalli. Le opere in mostra sono ancora di natura figurativa, grazie anche alle pitture tonali di scuola romana degli anni '30. Durante la mostra conosce lo scultore Pericle Fazzini, vicepresidente dell'Art Club, importante associazione artistica romana, aperta anche alle novità nell'astrattismo concreto: già nel dicembre 1947 partecipa alla seconda mostra annuale. L'associazione e ha continuato ad esporre con l'"Art Club" fino ai primi anni '50, sia in Italia che all'estero.

Nel maggio 1948, nella sua seconda mostra personale: Bianchi e Catrami, sempre alla Galleria La Margherita, presenta per la prima volta opere astratte le cui forme, ora amebe e organiche, ora filamentose e Reticolate, rivelano alcune somiglianze con il linguaggio di Jean Arp, Paul Klee e Joan Mirò. Successivamente iniziò ad elaborare i primi catrami, in cui la qualità dei materiali (erano realizzati su tela con olio, catrame, sabbia, vinavil, pomice e altri materiali) iniziò a subentrare nella semplice organizzazione formale della composizione.

Alla fine del 1948 si reca a Parigi per visitare lo studio di Miró, per vedere le ultime opere astratte di Alberto Magnelli in Italia e per conoscere le opere esposte alla galleria René Drouin. La galleria è diventata uno dei centri più importanti della nuova stagione. Artistico, poi chiamato "informale".

Nel 1949 crea la prima borsa stampata SZ1.

Nel 1950 inizia a realizzare la collezione Le Muffe e i Gobbi e utilizza per la prima volta il materiale consumato nei sacchi. Il 1950 è un anno di grande sperimentazione, dipinge vari stampi, utilizzando gli agenti atmosferici prodotti dalla pomice da abbinare alla pittura a olio tradizionale, anche il primo gobbo, il caratteristico rigonfiamento ottenuto disponendo rami di legno sul rovescio della tela, la prima borsa, Realizzata interamente in juta, rattoppata e cucita. Sempre nel 1950 realizza grandi "pannelli Fiat" (quadri di quasi 5 m di lato) per lo showroom di una concessionaria di automobili romana.
Nel gennaio 1951 partecipa alla fondazione del Gruppo Origine insieme a Mario Ballocco, Giuseppe Capogrossi ed Ettore Colla. E ha partecipato alla mostra di fondazione del gruppo, che è stata sciolta l'anno successivo.

1952 Mostra personale "Neri e Muffe" alla Galleria dell'Obelisco, Roma. Ad aprile si tiene la mostra "Omaggio a Leonardo" presso la Fondazione Origine dell'amico Colla, nella quale espone opere come "Lo Strappo", prima mostra bocciata dalla giuria solo pochi mesi dopo. le borse alla Biennale di Venezia. Nella sezione "Bianco e nero" della mostra veneziana è stato invece accolto il dipinto "Studio per lo strappo" acquistato da Lucio Fontana. Il 17 maggio Burri è stato tra i firmatari del "Manifesto del movimento per lo spazio televisivo" promosso dallo stesso Fontana. Nel corso dell'anno si trasferisce in via Margutta, in uno studio al confine con l'argine dei pittori Franco Gentilini e Pincio. Nello stesso anno, Robert Rauschenberg trascorse quasi un anno a Roma, visitando lo studio di Alberto Brie, e così ebbe un'idea di Sacchi.

Grande successo internazionale iniziò con le mostre a Chicago e New York nel 1953. La prima mostra personale americana (Alberto Burri: Paintings and Collages) si tiene alla Allan Frumkin Gallery di Chicago dal 13 gennaio al 7 febbraio 1953; a fine anno viene spostata alla Eleanor Ward di New York (Eleanor Ward's Stable Gallery . Nel frattempo, Burri ha incontrato il critico James Johnson Sweeney, allora direttore del Solomon R. Guggenheim Museum di New York, che ha deciso di promuovere il suo lavoro attraverso il supporto della critica, che ha portato alla prima monografia A a lui dedicata (1955) e comprende alcuni dei le sue opere nelle mostre del museo. Un mese dopo, dal 18 al 30 aprile, si tiene alla Fondazione Origine una nuova mostra personale del poeta Emilio Villa, e la collaborazione prosegue negli anni successivi.

Il 1954 è segnato dal trasferimento nello studio di via Salaria e dall'ingresso in un gruppo di artisti sostenuto dal critico francese Michel Tapi, padre dell'arte. Verso la fine dell'anno iniziò a usare il fuoco nel suo lavoro, eseguendo le prime piccole bruciature su carta.

Il 15 maggio 1955, a Westport (California), sposò Minsa Craig (1928-2003), ballerina ucraino-americana conosciuta a Roma l'anno precedente. Nello stesso periodo ha tenuto la mostra collettiva "A New Decade: 22 European Painters and Sculptors" al Museum of Modern Art di New York (maggio-agosto), con cinque sue opere; artisti che si possono trovare nelle relative catalogo A quella mostra si può far risalire una delle poche affermazioni di poetica. Sempre nel 1955 partecipa con successo alla Quadriennale di Roma e alla Biennale di San Paolo in Brasile.

Nonostante il successo e il sostegno dell'amico Afro Basaldella, gli fu permesso di esporre solo due opere alla Biennale di Venezia del 1956. Tuttavia, a settembre, mentre la Biennale era ancora in corso, la Galleria del Cavallino di Venezia ha ospitato per lui una mostra, in cui sono esposte molte delle borse per cui è ormai famoso.

Nel frattempo, Burri ha continuato a eseguire molteplici ustioni (con legno, tela e plastica) e sperimentare le proprietà del legno.

Il 1957 è caratterizzato da numerose mostre personali in Italia e negli Stati Uniti. Entro la fine dell'anno produce i suoi primi ferri, nei quali sfrutta le possibilità offerte dalle tecniche di saldatura in un discorso grafico bidimensionale. La prima di queste opere manteneva i rapporti compositivi a sacchi, legno e plastica, mentre Burri sviluppò successivamente un layout più rigoroso e coerente con le proprietà dei nuovi materiali utilizzati.

L'attività espositiva nel 1959 e all'inizio del 1960 fu piuttosto intensa. A giugno, Brie ha ricevuto una sala alla Biennale di Venezia, dove ha anche ricevuto un premio dall'Associazione Internazionale dei Critici d'Arte. Nello stesso anno Giovanni Carandente trasferì la sua residenza in via Grottarossa, fuori Roma, per realizzare il suo primo documentario.

Sebbene abbia continuato a esporre in mostre personali e collettive, i lunghi viaggi tra il Messico e gli Stati Uniti e le conseguenze di un delicato intervento chirurgico hanno rallentato il suo ritmo creativo.

Nei primi anni '60 i primi riepiloghi di antologia sono stati riportati a Parigi, Roma, L'Aquila, Livorno e Houston, Minneapolis, Buffalo, Pasadena, ecc. Il nuovo contributo, che diventerà realtà, è una retrospettiva storica di Darmstadt, Rotterdam, Torino e Parigi (1967-1972).

Alla fine del 1962, anno in cui acquistò la Villa Case Nove di Morra nei pressi di Città di Castello, tornò alla ribalta con i risultati dei suoi ultimi mesi di lavoro. Dal dicembre 1962 al gennaio 1963, alla Galleria Marlborough di Roma, si tiene una mostra di plastica che rappresentò una nuova e inaspettata svolta dopo il Flatiron. Forse rielaborando un po' di plastica della metà degli anni '50, decise di concentrarsi sulla pellicola di plastica trasparente.
La nuova stagione della plastica durò dieci anni, e Cesare Brandi ne fu il principale interprete: presentò molte mostre e scrisse una fondamentale monografia su Burri (1963).

Nel 1963 disegna le scene ei costumi per cinque balletti del pianista, direttore d'orchestra e compositore americano Morton Gould alla Scala di Milano. Nello stesso anno una sua opera viene esposta ad una mostra di pittura italiana contemporanea in diverse città australiane. Nel 1963-64 partecipa alla mostra Peintures italiennes d'aujourd'hui in Medio Oriente e Nord Africa. Nel 1964 vince il Premio Mazzotto di Pittura.

Alla fine degli anni Sessanta acquistò una casa a Los Angeles (California), dove trascorse gli inverni fino al 1990. Durante questo periodo e nei successivi primi anni Settanta, rimase impegnato nella produzione teatrale.

Gli anni Settanta documentano la diminuzione dei mezzi tecnici e formali da Cretti (terra e vinavil) a Cellotex (compresso per uso industriale), e seguono retrospettive storiche: Assisi, Roma, Lisbona, Madrid, Los Angeles, San Antonio, Milwaukee, New York, Napoli.

In quegli anni inizia a lavorare anche sui cretti, materiale derivato da una misurata miscela di leganti acrilici vinilici con altri materiali usati per rivestire i supporti (argilla, caolino, bianco di zinco), dove lavorò sui supporti per ben dieci anni e esposto per la prima volta, nell'ottobre 1973 a Bologna (Galleria di San Luca).

Una mostra antologica al Convento di San Francisco d'Assisi nel maggio 1975 presentò al pubblico anche la Fibra, un materiale isolante utilizzato in edilizia, di recente costruzione, costituito da una miscela di colla e trucioli di legno.

Nel frattempo, l'attività espositiva prosegue ininterrotta, anche se con minore intensità rispetto ai decenni precedenti.

Il ciclo di Creti inizia nel 1973, quando copre con un velo di cemento i resti di Gibellina nell'area terremotata, celebre esempio di land art. Nello stesso anno Burri riceve il Premio Ferrinelli. Accademia Nazionale dei Lincei per la Grafica, con la seguente motivazione: "Nonostante la sua apparente semplicità, la qualità e l'invenzione della grafica realizzata in chiave modernissima si sposano perfettamente con la pittura dell'artista, che non è ancora un aspetto incidentale, ma quasi Una vividezza che unisce un rigore estremo a una purezza espressiva senza pari."

Nel 1975 partecipa al progetto "Operazione Alsevia" coordinato dall'architetto Ico Parisi per costruire una comunità da zero nella città di Alsevia, in provincia di Ancona, con il contributo di artisti, musicisti, critici, scrittori, cineasta, psicologo , agenzia locale. Burri realizzò i bozzetti per il teatro, oggi conservati nella collezione di Palazzo Albizzini.

Nel 1976 Alberto Burri (con la "tecnica" del vasaio Massimo Baldelli) creò un pezzo spettacolare, "Great Black Cretto", che fu esposto al Franklin D. Murphy Sculpture Garden dell'Università di Los Angeles (UCLA). Un'altra opera simile, per stile, espressività e dimensioni spettacolari, è esposta al Museo di Capodimonte a Napoli. L'evoluzione più eclatante, però, è quella di Gibellina (Trapani). Quasi 90.000 mq tra le macerie della vecchia Gibellina. Il progetto è iniziato nell'agosto 1985 ed è stato interrotto nel dicembre 1989 per mancanza di fondi e il progetto non è ancora stato completato.

Nel 1977 espone un'importante antologica dal titolo "Alberto Burri. A retrospective View 1948-77" al Solomon R. Guggenheim Museum di New York.

Il ciclo risale al 1979, che dominerà tutti i suoi lavori successivi, tra cui dieci opere monumentali che ripercorrono i momenti più importanti della sua pratica artistica, ma piuttosto la stagione che diede inizio al grande ciclo pittorico, anche nel successivo Prodotto in diversi anni ed esposto permanentemente presso l'Ex - Macello Tabacchi di Città di Castello. Presenterà altri cicli a Firenze (1981), Palm Springs (1982), Venezia (1983), Nizza (1985), Roma, Torino (1989) e Rivoli (1991)

Nel 1981 viene costituita la Fondazione Burri a Palazzo Albizzini a Città di Castello con la prima donazione di 32 opere.

Nel 1984 Burri allestisce una dettagliata mostra per aprire l'attività di Brera alla contemporaneità.

Nel 1994 Brie ha partecipato alla mostra Italian Transfiguration 1943-1968 al Solomon R. Guggenheim Museum di New York. Dall'11 maggio al 30 giugno 1994, presso la Galleria Nazionale d'Arte di Atene, la serie Burri il Polittico di Atene, Architecture with Cacti, sarà presentata all'Istituto Italiano di Cultura di Madrid (1995). Il 10 dicembre 1994 si commemora la donazione di Burri alla Galleria degli Uffizi di Firenze: un dipinto in bianco e nero del 1969 e tre serie di figure del 1993-94.
Le opere dei maestri sono principalmente esposte nei due musei della Città di Castello. Il primo è a "Palazzo Albizzini", con una superficie di 1660 mq, inaugurato nel 1981. Il secondo che ospita il "Grande Ciclo pittorico" dell'artista, inaugurato nel 1990, è un'area industriale dismessa dove si trovano gli "Ex Seccatoi del Tabacco" architettonicamente restaurati. A Palazzo Albizzini, dove l'omonima fondazione è stata fondata nel 1978 per volere dello stesso Burri, e all'Ex Seccatoi, inaugurato come sede espositiva nel luglio 1990, l'artista ha istituito la collezione che ha donato alla sua città natale. Matura alla fine degli anni Ottanta e opera sotto la sua attenta direzione attraverso percorsi museali e cataloghi sistematici organizzati in entrambe le sedi, fornendo così una precisa ipotesi per spiegare il suo lavoro, in cui sculture di grandi dimensioni, contemporaneamente, inizia a lavorare su il grande ciclo pittorico.

All'inizio degli anni '90, Burri e la moglie lasciano la California per stabilirsi a Beaulieu-sur-Mer in Costa Azzurra (Francia), continuando a trascorrere l'estate a Città di Castello. Nonostante l'età avanzata, continua la sperimentazione di nuovi materiali: il suo ultimo lavoro è Metamorfex, un ciclo di nove pezzi presentato in Ex Seccatoi dall'amico Nemo Sarteaanesi. Burri è morto a Nizza il 13 febbraio 1995, un mese prima del suo 80esimo compleanno. Noto per la sua segretezza, ha infine completato una lunga registrazione della sua autobiografia con Stefano Zorzi, che ne ha raccolto il contenuto in un volume intitolato "Le parole di Burri". Il suo lavoro è stato esposto in alcuni dei più importanti musei del mondo: il Centre Georges Pompidou di Parigi, il Museo Solomon R. Guggenheim di New York, la Tate Gallery di Londra, la National Gallery of Modern and Contemporary Art di Roma, Castello di Rivoli (TO), Museo d'Arte Moderna e Contemporanea di Trento e Rovereto.
Alberto Burri
Condividi

Possiedi un’opera di Alberto Burri e vuoi venderla?

Stiamo selezionando opere d’arte dell’artista da inserire nelle prossime aste.


Richiedi una valutazione gratuita

I nostri esperti sono sempre a disposizione per effettuare valutazioni gratuite e confidenziali.
 

Scegli una delle seguenti modalità:

  1. Invia una richiesta online
  2. Scatta una fotografia e inviala via WhatsApp al numero 030.48400
  3. Telefona al Numero Verde 800 9742 41
  4. Scrivici a valutaopera@capitoliumart.it
  5. Prenota un appuntamento

Opere di Alberto Burri già presentate in asta

© 2022 Capitolium Art | P.IVA 02986010987 | REA: BS-495370 | Capitale Sociale € 10.000 | Er. pubbliche 2020

Privacy policy Credits

Dati personali

Campo obbligatorio
Campo obbligatorio
Campo obbligatorio
Campo obbligatorio
Campo obbligatorio

Dati opera

Campo obbligatorio
Campo obbligatorio
Campo obbligatorio
Campo obbligatorio
Campo obbligatorio
Trascina qui per caricare
o
Seleziona file
Campo obbligatorio Peso massimo dell'immagine 20MB

Campo obbligatorio
C'è stato un problema. Contatta il supporto.
Grazie
La tua richiesta è stata inviata con successo.
Ci metteremo in contatto con te il prima possibile.

Dati personali

Campo obbligatorio
Campo obbligatorio
Campo obbligatorio
Campo obbligatorio
Campo obbligatorio
Campo obbligatorio

Dati opera

Campo obbligatorio
Campo obbligatorio
Campo obbligatorio
Campo obbligatorio
Campo obbligatorio
Trascina qui per caricare
o
Seleziona file
Campo obbligatorio Peso massimo dell'immagine 20MB

Campo obbligatorio
C'è stato un problema. Contatta il supporto.
Grazie
La tua richiesta è stata inviata con successo.
Ci metteremo in contatto con te il prima possibile.