Giuseppe De Nittis Quotazioni, valore e valutazione opere

Richiedi una valutazione
Giuseppe Denitis nasce a Barletta nel 1846.

Dopo aver studiato i fondamenti dell'arte dal connazionale Giambattista Carlo, si trasferisce a Napoli con il fratello maggiore Vincenzo, dove studia all'Accademia di Belle Arti.

Qui prese lezioni con Giuseppe Mancinelli e Gabriele Smargiassi e iniziò a dedicarsi ad alcune ricerche nella vita.

Due anni dopo, lo studio esonera da ogni impegno accademico dopo essere stato espulso dall'Accademia per motivi disciplinari, rafforzato dall'avventuroso contatto diretto con Marco De Gregorio, Federico Rossano e Adriano Cecioni, in una nuova pittura di paesaggio dal carattere decisamente antiaccademico .

Dipinti come Casale e L'Ofantino vicino a Napoli sono della metà degli anni '60.

Queste opere sono caratterizzate da una resa nitida, quasi fotografica della realtà, ma a volte non esente, come la sorprendentemente matura datazione nei boschi di Portici, derivata da un'intuizione simile allo studio contemporaneo dei pittori toscani.

Nel 1967, raggiunta la maggiore età del fratello Vincenzo e cessata la custodia, si recò a Roma.

Si recò poi per alcuni mesi a Parigi, dove visitò lo studio di Messonnier e incontrò il mercante d'arte Goupier.

Al ritorno si fermò a Firenze.

Sebbene vi soggiornò per un breve periodo, presentando ai promotori due studi di vita e tre dipinti, non iscritti a catalogo, lasciò una profonda impressione negli artisti, che lo accolsero calorosamente.

A fine anno espone al Promotore di Napoli.

Qui, nel '64, fece la sua prima apparizione in due edizioni dei suoi dipinti "L'avanzata della tempesta", "Impressioni della pianura pugliese" e "La traversata nella memoria dell'Appennino".

Quest'ultimo fu acquistato dal Re Vittorio Emanuele II per il Palazzo Reale di Capodimonte.

Dopo alcuni mesi in Puglia, nel '68 torna a Parigi, oltre a tornare regolarmente in Italia.

Qui, dopo un contratto favorevole con la Maison Goupil e l'imprenditore tedesco Reitlinger, sposò la giovane Léontine Lucile Gruvelle.

Iniziò quindi a frequentare alcune delle figure più importanti della cultura dell'epoca, tra cui Edmund de Goncourt, figlio di Dumas, Dodt, Zola, Degas e Manet.

Il suo debutto al Salon risale al 1969, quando era Bosco di Puglia e alcuni dipinti si vestivano alla maniera di Meissonier e Fortuny.

Nella primavera del 1970, prima di trasferirsi in rue Lepic, conosce Ceccioni, ospite di lunga data. Ma è in questa stretta convivenza che alcuni contrasti hanno portato la loro amicizia in una profonda crisi.

Costretto dallo scoppio della guerra franco-prussiana, tornò in Italia, e dopo aver confermato il noto accordo con Goupier, fu probabilmente prima in Puglia e poi in Campania per esigenze di mercato, con Signorini, Rosano e de Gregorio dipinti insieme , la serie dei paesaggi vesuviani, semplificati secondo nuovi colori e forme, in piena sintonia con il gusto del tempo.

Tornato a Parigi a metà febbraio 1973, si dedicò interamente alla pittura simbolica diretta degli abiti, soffermandosi sui simboli della modernità, restituendo opere come Guidando al Bois, Return from Racing e Che COLD (dove era al Salon del' 74) vividamente Uno sguardo alla vita nella capitale.

Su invito di Degas, ha anche portato cinque dipinti alla prima mostra impressionista presso lo studio del fotografo Nadal in Cappuccines Avenue.

Nella primavera e nell'estate del 1974, ebbe tanto successo a Londra quanto in Francia.

Da allora si è disperso tra Parigi, Londra e l'Italia e, da attento osservatore della realtà, ha potuto migliorare continuamente le sue capacità.

In primo luogo si concentra su alcuni aspetti della vita urbana, che sono legati alle figure mondane, eleganti e culturali che brulicano in gruppi nel tempo libero o nei momenti di svago, di cui Pyramid Square esemplifica bene.

Tuttavia, uno dei suoi soggetti preferiti rimasero le gare e le passeggiate equestri, amate dagli impressionisti, in particolare da Degas.

Ciò è dimostrato dai dipinti Flirtation, il trittico razziale di Auteuil e il dipinto razziale di Longchamps.

Nel frattempo lo presentava l'amico Edmond de Goncourt, con il quale condivideva la passione per l'arte giapponese, ricordata in un grande dipinto del 1983 nel soggiorno della principessa Mathilde Bonaparte (Barletta, Museo Civico).

Giuseppe De Nittis morì a Saint-Germain-en-Laye (Francia) nel 1884.
Giuseppe De Nittis
Condividi

Possiedi un’opera di Giuseppe De Nittis e vuoi venderla?

Stiamo selezionando opere d’arte dell’artista da inserire nelle prossime aste.


Richiedi una valutazione gratuita

I nostri esperti sono sempre a disposizione per effettuare valutazioni gratuite e confidenziali.
 

Scegli una delle seguenti modalità:

  1. Invia una richiesta online
  2. Scatta una fotografia e inviala via WhatsApp al numero 030.48400
  3. Telefona al Numero Verde 800 9742 41
  4. Scrivici a valutaopera@capitoliumart.it
  5. Prenota un appuntamento

Opere di Giuseppe De Nittis già presentate in asta

© 2022 Capitolium Art | P.IVA 02986010987 | REA: BS-495370 | Capitale Sociale € 10.000 | Er. pubbliche 2020

Privacy policy Credits

Dati personali

Campo obbligatorio
Campo obbligatorio
Campo obbligatorio
Campo obbligatorio
Campo obbligatorio

Dati opera

Campo obbligatorio
Campo obbligatorio
Campo obbligatorio
Campo obbligatorio
Campo obbligatorio
Trascina qui per caricare
o
Seleziona file
Campo obbligatorio Peso massimo dell'immagine 20MB

Campo obbligatorio
C'è stato un problema. Contatta il supporto.
Grazie
La tua richiesta è stata inviata con successo.
Ci metteremo in contatto con te il prima possibile.

Dati personali

Campo obbligatorio
Campo obbligatorio
Campo obbligatorio
Campo obbligatorio
Campo obbligatorio
Campo obbligatorio

Dati opera

Campo obbligatorio
Campo obbligatorio
Campo obbligatorio
Campo obbligatorio
Campo obbligatorio
Trascina qui per caricare
o
Seleziona file
Campo obbligatorio Peso massimo dell'immagine 20MB

Campo obbligatorio
C'è stato un problema. Contatta il supporto.
Grazie
La tua richiesta è stata inviata con successo.
Ci metteremo in contatto con te il prima possibile.